Hai tanti modi per aiutarci!

1) ECONOMICAMENTE INVIANDOCI UN AIUTO IN DENARO:

ALCUNE IPOTESI DI AIUTO ECONOMICO:

– € 5,00 per un vaccino polivalente;
– € 30,00 per sfamare un cane per un mese;

LISTA DI METODI PER AIUTARCI ECONOMICAMENTE:

(A) Direttamente online attraverso PayPal, all’indirizzo seguente: flavia@zampesarde.it (clicca su “invia denaro a parenti e amici”)

 

(B) Bonifico bancario tramite il seguente IBAN:   IT 07K 0335967684510700199564 Intestato all’ Associazione”I Miei Amici Onlus”. Banca Prossima.

per bonifici internazionali, codice Bic/Swift: BCITITMXXXX

 

(C) Versamento sul CONTO CORRENTE POSTALE nr: 93396794 intestato all’ Associazione “I Miei Amici Onlus” IBAN: IT15 F076 0117 4000 00093396794

per bonifici internazionali codice Bic/Swift BPPIITRRXXX

 

(D) Postepay nr 4023 6009 2873 6851 intestato a Flavia Carta c.f. nr: CRTFLV65H63E004A

 

2) ECONOMICAMENTE SENZA ESBORSO DI DENARO DA PARTE VOSTRA

Destinando il 5×1000 all’associazione.
Per maggiori informazioni visita l’apposita sezione

3) CLICCANDO I BANNER PRESENTI SUL SITO

Potete cliccare i banner commerciali presenti sul sito in fondo alla pagina e visitare le loro pagine web.

4) AIUTANDO CON LA VOSTRA PRESENZA

Potete andare a trovare Flavia in canile e portare i cani a fare una passeggiata. Un bel modo per fare due passi e sentirsi bene.

5) CON DONAZIONI DI MEDICINE E MATERIALI:

Se vuoi donare farmaci utili per curare i nostri cani del canile ci occorrono i seguenti prodotti:

– Antiparassitari interni ed esterni
– Ivomec, Omega Pet
– Disinfettanti per la cute (betadine)
– Pasta per sverminare (tipo Nemex)
– Sinulox
– Siringhe 2,5 ml
– Cibo per cani con insufficenza renale, light , senior.
– Crocchette e scatolette in generale
– allopurinolo
– drontal plus
– frontline combo
– advantix
– augmentin (uso umano)
– baytril
– rymadil
– cardotek (per la filaria)
– flagyl
– milteforan
– glucantime

-gocce per orecchie, sverminanti.

– SE SEI UN’IMPRESA E VUOI DONARE MEDICINE, ALIMENTI E ALTRI BENI LEGGI QUI SOTTO – Le imprese che producono o scambiano “prodotti farmaceutici” o “derrate alimentari” possono cederle gratuitamente alle Onlus, al posto di eliminarle dal circuito commerciale, senza dover considerare questa cessione tra i ricavi, come destinazione estranea all’esercizio dell’impresa, ai sensi dell’art 53, comma 2 del Tuir. Non viene pregiudicata la deduzione dei relativi costi di acquisto e la cessione gratuita è esente in base a quanto stabilito dall’art 12 D.P.R. 633/72
Le cessioni gratuite alle Onlus sono agevolate anche se riguardano altri beni, non di lusso, diversi dai precedenti, a patto che:
>>Siano prodotti o commercializzati dall’impresa, e presentino imperfezioni, alterazioni, danni o vizi che pur non modificandone l’idoneità di utilizzo non ne consentano la commercializzazione o la vendita;
>>Queste cessioni non sono considerate ricavi, come destinazione estranea all’attività, per un importo corrispondente al costo di produzione o acquisto complessivamente non superiore al 5% del reddito d’impresa dichiarato.
>>Ai fini Iva, questi beni si considerano distrutti e quindi alla loro cessione non si applica dell’Iva, non subendo la rettifica della detrazione dell’imposta pagata al momento dell’acquisto o dell’importazione.